RSS

Archivio mensile:settembre 2012

LE PROVE DEL GOLPE (e gli organi costituzionali tacciono…)

di: Gianni Petrosillo
MASSIMO GARAVAGLIA; Senatore della Lega Nord (http://www.youtube.com/watch?v=Wy-eu9cCBh8#t=19s):

«Monti viene fatto senatore a vita il 9 di novembre. Il 10 siamo in commissione bilancio a chiudere la finanziaria in commissione, e quello stesso giorno vengono a interrogarci gli ispettori della BCE – della Banca Centrale [Europea] – e di Bruxelles, perché eravamo sotto inchiesta.
E ci interrogano: il presidente Giorgetti della Camera [Ndr. Giancarlo Giorgetti – presidente della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei Deputati], me, Azzolini [Ndr. Antonio Azzolini – presidente della Commissione Bilancio del Senato], il presidente e il vicepresidente delle due commissioni.
Ci fanno tutto il loro bell’interrogatorio, alla fine l’ultima domanda è: “ma voi sosterrete il governo Monti?” Mi g’ha disi [tr. io gli ho detto]: “ma, vedremo. C’è un governo in carica, se cade vedremo chi verrà nominato e decideremo.” “No, no, no. Verrà fatto il governo Monti. Voi lo sosterrete?” Al che ti girano un po’ i santissimi. Gli dico: “no, non funziona così. Noi siamo stati eletti in una maggioranza, se la maggioranza non sta più in piedi si va e si vota e il popolo decide chi governa.” “No, no, no. Non ci siam capiti. Se voi non sostenete il governo Monti, noi non compriamo i vostri titoli per due mesi, e voi andate in fallimento.”

Ok. Questo è giovedì 10 novembre. Venerdì noi chiudiamo la finanziaria al Senato, poi va alla Camera, e Stefano [Allasia] con gli altri la vedono la domenica, e lunedì viene incaricato Monti. Martedì è premier. Tutto bello semplice. Quindi questo discorsetto, che è stato fatto a noi, evidentemente è stato fatto anche ai leader politici – noi eravamo solo interrogati in quanto tecnici della materia – e tant’è che all’inizio anche Di Pietro era in sostegno a Monti perché ci aveva creduto anche lui a questo ricatto dello spread, e così è andata…»
TUTTO BEN ORCHESTRATO!!!
Gli ispettori di Bruxelles vengono in Italia a minacciare i nostri parlamentari e a rovesciare governi democraticamente eletti, come dichiara il Senatore della Lega Nord, Massimo Garavaglia, durante un convegno a S.Ambrogio (Val di Susa), il 21 settembre 2012, riportando le intimidazioni subite, in commissione bilancio, dagli emissari della BCE e dagli stessi rappresentanti dell’UE.
Il 9 novembre del 2011 Giorgio Napolitano aveva già nominato Mario Monti Senatore a Vita, il 16 Novembre il Professore della Bocconi viene investito, dal medesimo Presidente della Repubblica, della carica di Premier. Come sapevano costoro che Mario Monti sarebbe divenuto Presidente del Consiglio? E che diritto avevano di ingerirsi nei futuri assetti del Paese chiedendo a membri delle camere la disponibilità a sostenere il prossimo Gabinetto dei tecnici?
Si tratta di un episodio gravissimo che dovrebbe immediatamente allertare gli organi costituzionali, la magistratura, i corpi speciali dello Stato e tutti i cittadini. E’ evidente che il Capo dello Stato abbia giocato un ruolo d’iniziativa e di sponda con organismi europei, e forse anche extraeuropei, quindi con interessi estranei e contrastanti a quelli della nazione, per ribaltare il responso uscito dalle urne, nel maggio 2008. Occorre immediatamente verificare e chiarire quanto sostenuto dal Senatore Garavaglia, poiché laddove fosse tutto riscontrato e confermato ci troveremmo di fronte alle prove inequivocabili di una macchinazione antiitaliana (alla quale hanno partecipato membri delle istituzioni nostrane), configurante l’alto tradimento dello Stato. Questi signori, che tali non sono, hanno organizzato un Golpe di Palazzo attraverso il quale è stata liquidata la sovranità statale e svenduta l’economia nazionale ad un pugno di banchieri, di burocrati e di apparati politici forestieri. VERGOGNA!!!
Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su settembre 28, 2012 in Governo sovranazionale

 

Tag: , , ,

I moderni Frescobaldi…

Giuseppe Migliorino – http://www.borsari.it

Ci stiamo dirigendo verso il governo unico mondiale: un pianeta globalizzato diviso in pochi padroni e miliardi di schiavi.
E’ un progetto che nasce a Venezia nel XIV secolo ed ha il suo perno nella famiglia Frescobaldi.
Quasi tutte le grandi monarchie mondiali traggono origine dai Frescobaldi e lo stesso si può dire delle altre grandi e ricche famiglie che dominano da secoli il mondo.
Il progetto è “disumano” come ebbe a dire Dante Alighieri, e prevede la “messa in schiavitù” dell’intera umanità… ma grazie a uomini di immensa statura morale e culturale (Dante, Petrarca, Boccaccio, Chaucer, Rabelais, Cervantes…) trova una grande opposizione popolare e, nel 1509, tutta l’Europa si allea contro Venezia nella “Lega di Cambrai”.
Subito dopo fu scontro armato nella battaglia di Agnadello, in cui i mercenari veneziani furono annientati.

Da lì in poi i Frescobaldi capiscono che Venezia non è più il luogo ideale per “coltivare quel progetto” e si trasferiscono in Britannia, a Londra, da dove cominciano a tessere le loro ragnatele di potere che, il 29 Maggio 1954 portano alla nascita del Bilderberg Group: un’elite mondiale che annovera tra le sue fila gli uomini e le donne più potenti del pianeta.

Perché un unico governo mondiale?
Perché rende più facile il controllo di miliardi di “schiavi”… certamente molto più facile dell’avere centinaia di governi nazionali ognuno con la sua cultura e la sua storia…
Se vuoi condurre le mandrie al macello, devi prima metterle tutte in fila dietro al cane che le conduce verso quell’unica meta…
Se vuoi instaurare il pensiero unico, devi prima distruggere la storia e la cultura di ognuno.

Ma che ci guadagnano a dominare il mondo… non hanno già abbastanza soldi?
Questo, vedete picciotte e picciotti, è uno dei risultati già ottenuti dai “manipolatori del pensiero”: vi hanno convinto che l’obiettivo di qualsiasi progetto umano sia solo l’arricchimento… il denaro… e, quindi, voi vi ponete sempre la domanda sbagliata.
Giovinotti, potete essere gli uomini più ricchi dell’Universo, ma se non controllate le menti dei vostri sudditi, sarete sempre esposti alle loro reazioni e potreste perdere tutto da un momento all’altro…

I Frescobaldi lo capirono dopo l’alleanza di tutta l’Europa contro Venezia nella Lega di Cambrai e la successiva battaglia di Agnadello.
Gli altri regnanti lo capirono dopo la rivoluzione francese del 1789, in cui la ricchissima famiglia reale francese fu mandata a morte dal popolo in rivolta. Se avessero controllato le menti dei loro sudditi, non sarebbe successo.
Il denaro e la ricchezza sono solo “effetti collaterali”, il vero obiettivo è impadronirsi delle menti e dei pensieri dei propri “schiavi”.
Il 30% dei siciliani chiamati alle armi nella prima guerra mondiale disertarono… e gli altri partirono solo perché un vero esercito di carabinieri stanò alcuni disertori nei loro rifugi e fece delle plateali esecuzioni di massa…

Se non controlli le menti dei tuoi “cittadini” quelli si rivoltano e non ti obbediscono.
Venticinque anni dopo, allo scoppio della seconda guerra mondiale, moltissimi siciliani partirono volontari… Mussolini era riuscito ad impadronirsi dei loro pensieri…
Vedete la differenza?
Mussolini e Hitler erano maestri del controllo delle masse: manipolavano l’informazione ed ottenevano consenso incondizionato.
…Cosa mai avrebbe condotto un ragazzo di Canicattì nella steppa russa a combattere contro i cosacchi, se avesse avuto la sua testa “libera” di pensare in proprio?
E cosa ci facevano i giovani tedeschi nei campi di concentramento a gasare ebrei, omosessuali, zingari etc… se non rispondere ad un condizionamento mentale di cui i nazisti erano maestri?

Non è, dunque, il denaro l’obiettivo degli “eredi dei Frescobaldi” (quello arriva di conseguenza), ma le nostre menti: più ci instupidiscono e più ci neutralizzano trasformandoci in zombie…
Non è, quindi, il nostro impoverimento materiale che perseguono, ma il nostro annientamento culturale… che ci trasforma in macchine ubbidienti

Guardate ai fatti italiani di questi ultimi anni: dopo una crisi che sembra senza fine, ci arriva un governo “non richiesto e non eletto”…
Avremmo dovuto tutti gridare al golpe, imbracciare i fucili e scendere in piazza per difendere la nostra democrazia…
Invece…Monti all’inizio è stato salutato come il salvatore della Patria con quasi l’80% dei consensi…
Capite la tecnica usata?

Crei un grande problema (la crisi che non passa) e proponi la soluzione (Monti).
In quale altra maniera uno come Monti sarebbe arrivato al governo?

Quindi la “crisi” fa parte della “strategia” per arrivare al controllo delle masse mondiali?
Ovvio… perché, non era chiaro?

Picciotti, l’uomo ha fatto passi da gigante nella sua evoluzione solo quando ha risolto i problemi di base dell’esistenza: cibo, riparo, assistenza… Il leone tutti i giorni deve risolvere il problema della sua sopravvivenza (il cibo) e, dunque, solo di questo si interesserà…
L’uomo agiato che ha risolto i problemi di base, si può dedicare ad altro (studiare, pensare…); invece l’uomo che deve mettere insieme pranzo e cena, o arrivare a fare quadrare un bilancio familiare molto stretto, non avrà nè tempo e né voglia di pensare ad altro… Capite perché le crisi e la miseria che esse portano sono “fondamentali” in questo progetto?

Immaginatevi senza lavoro, senza introiti e con una famiglia da mantenere… cosa non sareste disposti a fare pur di risolvere (o attenuare) il vostro problema?
Quanti Mario Monti accettereste se solo vi facessero intravedere la possibilità di essere la soluzione che cercate?
Quanta voglia avreste di capire cosa sta succedendo davvero, se i vostri figli stessero morendo di fame? Le crisi e la miseria che portano, sono strumenti essenziali per “condurci” alla schiavitù…
Anche l’Europa?

Picciotti, per arrivare al governo unico, occorrono una serie di passaggi intermedi (aggregazioni parziali)… e, quindi, il progetto finale ha bisogno di un’Europa unita, un’America latina aggregata… etc…
C’è qualcuno che riesce a darmi dei validi motivi per cui italiani, spagnoli, greci, portoghesi… etc… stanno dentro ad un’Europa che li sta conducendo in miseria?
Lo vedete, ancora un volta, il controllo delle menti?

Si parla di Europa… di ideali… di padri fondatori… e non si parla mai di cose concrete, tipo: ma a noi, ‘sta cazzo d’Europa ci conviene?
Avete mai visto o sentito qualcuno spiegarvi (con numeri e fatti) che i vantaggi assommano a molto più degli svantaggi?
No… sono tutti impegnatissimi a spiegarvi che l’uscita dall’euro sarebbe una catastrofe (senza numeri e fatti che lo spieghino concretamente)… trascurando di dirvi che il rimanerci è già una catastrofe che stiamo pagando tutti giornalmente.

Il controllo delle menti passa per lo svilimento della Scuola: se riesci a sfornare dei simul-analfabeti sei già sulla buona strada verso il governo unico mondiale e la messa in schiavitù delle masse.
Il resto del lavoro lo faranno la Tv e gli altri media (quasi tutti controllati dai membri del Bilderberg Group)…
Ma, mi direte, oggi c’è Internet e le idee circolano velocemente…
Ma davvero?

Ammettiamo pure (per amore di esempio) che io dica delle cose intelligenti e concrete… a quante persone mi rivolgo?
Qualche migliaio (circa 150.000 nel mio video più visto).
Larry Page e Sergey Brin (fondatori di Google), Mark Zuckerberg (fondatore di Facebook)… tanto per citarne alcuni, si rivolgono a milioni di persone tutti i giorni…
Io tiro con la fionda e quelli dispongono di armi nucleari.
… E quasi tutti quelli che hanno accesso alle “menti” di milioni di uomini e donne, sono “affiliati” al Bilderberg…

Inoltre, il giorno che quelli come me dovessero diventare pericolosi, saremmo “zittiti” senza difficoltà dalle solite “proposte che non si possono rifiutare”…
Non so se mi ho capito…??
Quindi, non c’è speranza?
… C’è… ma è una sola ed è molto tenue… si chiama “conoscenza”…
Se io e quelli come me riuscissimo a risvegliare il “piacere di sapere” di quelli che ci ascoltano (come fecero Dante, Petrarca e gli altri citati sopra), allora una nuova Lega di Cambrai potrebbe essere possibile…

Ma è molto difficile… innanzitutto perché tra me ed i miei contemporanei, non c’è alcuna possibilità di paragone con quelli (Dante, Petrarca… etc..) che risvegliarono le coscienze dell’Europa molti secoli fa…
E poi perché i Frescobaldi di oggi hanno molte più frecce al loro arco (potere, media, etc..).
E’ una partita tra il Brasile di Garrincha e Pelè, contro l’Igea Virtus di Barcellona Pozzo di Gotto…
La giochiamo perché ritirarci sarebbe ancora più disonorevole… ma non ci facciamo alcuna illusione.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su settembre 26, 2012 in Governo sovranazionale

 

Tag: , , , , , , ,